Descrizione del progetto
Il progetto HandyAmo è finalizzato all’accrescimento delle autonomie, del benessere, dell’integrazione sociale delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare o in previsione del venir meno della rete genitoriale e familiare attraverso l’offerta di proposte e azioni differenziate e personalizzate, progressivamente indirizzate verso l’innalzamento della qualità della vita dei beneficiari.
La proposta si concentra intorno al “progetto di vita personalizzato”, che sarà definito insieme al beneficiario, in accordo con la sua famiglia, al fine di favorire la piena realizzazione delle aspirazioni individuali.
Il percorso offerto prevede la possibilità di realizzare percorsi differenziati a seconda del livello di autonomie dei beneficiari, costruendo “pacchetti” personalizzati di attività, organizzati in cicli ripetibili nell’arco dei 3 anni di durata del progetto.

Le azioni previste sono:

È prevista inoltre la sperimentazione di una esperienza di co-housing con livelli medio-bassi di supporto e, parallelamente, sarà svolto un lavoro di supporto e sostegno ai genitori nell’accompagnamento dei figli all’uscita dal nucleo familiare.

In particolare, le uscite e i laboratori, anche se propedeutici per le attività successive, si realizzeranno comunque per tutta la durata del progetto, con livelli di intensità differenziati a seconda dei gruppi di utenti, e saranno centrati su tematiche definite in itinere a seconda delle esigenze emerse nelle altre attività (ad esempio il gruppo che sperimenterà il co-housing avrà comunque esigenze formative, ma diverse rispetto ai gruppi che usufruiranno solo dei weekend, per i quali la prospettiva del co-housing appare più lontana o più difficilmente realizzabile).
I weekend e le vacanze partiranno in un secondo momento, in seguito ad una valutazione rispetto alla compatibilità tra persone emersa durante le attività di laboratori.

L’azione del co-housing si realizzerà a partire dalla seconda metà del progetto, avrà una durata di 18 mesi e sarà rivolta a 5 utenti, che avranno espresso la loro volontà di condividere un’esperienza di convivenza con un gruppo di persone con cui avranno maturato affinità durante le precedenti azioni.
Affinché le azioni progettuali sopra descritte portino al raggiungimento degli esiti desiderati si rende tuttavia necessario completare il percorso con un lavoro parallelo nei confronti dei familiari. Essi devono infatti essere pienamente coinvolti nel percorso di separazione dai propri figli, attraverso attività di supporto e affiancamento, sia dal punto di vista tecnico/normativo che dal punto di vista affettivo e emotivo. Per tali ragioni, in parallelo rispetto allo svolgimento delle azioni di cui sopra, saranno realizzati incontri e workshop tenuti da Psicologi e rivolti ai familiari durante tutti i tre anni di progetto.

È inoltre prevista la realizzazione di un evento finale di restituzione dei risultati del progetto alla cittadinanza, in cui saranno raccontate esperienze di vita legate alla realizzazione della attività progettuali da parte dei beneficiari.

A chi è destinato
I beneficiari del progetto sono le persone residenti nei comuni afferenti alla Società della Salute Pistoiese in carico ai servizi socio-assistenziali, sanitari e/o socio-sanitari, in condizione di disabilità grave certificata ai sensi della L. 104/1992 art.3, comma 3 e prive del sostegno familiare, come definito col Decreto ministeriale 23 novembre 2016, art. 1, comma 1, lett. b), ossia, persone con disabilità grave, non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità, prive di sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori o perché gli stessi non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale, nonché in vista del venir meno del sostegno familiare.

Come partecipare
Per partecipare al progetto è necessario essere in carico ai Servizi Sociali della Società della Salute Pistoiese e presentare formale domanda – sottoscritta dall’interessato o suo familiare o dall’Amministratore di Sostegno – adoperando il modulo previsto.
Alla domanda va allegata la documentazione attestante il riconoscimento della condizione di Handicap grave ai sensi dell’art. 3 comma 3 della L. 104/92.
Le domande devono essere presentate alla Segreteria della Società della Salute presso la sede dei Servizi Sociali in Viale Matteotti 19 (Lunedì-Venerdì 9.00-12.00).
La partecipazione alle varie azioni previste dal progetto è subordinata alla valutazione della Unità di Valutazione Multidisciplinare (UVM) della Società della Salute Pistoiese: i candidati saranno convocati per la discussione del Progetto Assistenziale Personalizzato nel quale saranno previsti gli obbiettivi da raggiungere, gli strumenti da adottare tra quelli previsti nel progetto, e i tempi per la loro realizzazione.
Al termine della prima fase di partecipazione al progetto sarà effettuata una nuova valutazione per la verifica dei risultati raggiunti.
Tra coloro che avranno indicato il proprio interesse, inoltre, saranno selezionati i possibili partecipanti alla sperimentazione del co-housing (“HandyAmo a convivere”).
Per ulteriori informazioni è possibile contattare la propria Assistente Sociale di riferimento.